Inaugurata la Task Force Cina

Mercoledì, 03 Ottobre 2018

Il Sottosegretario Geraci dà il via ai Gruppi di Lavoro

La sala durante l'incontro

Il 1 Ottobre si è svolta al MiSE la riunione inaugurale della Task Force Cina, presieduta dal Sottosegretario allo Sviluppo Economico Prof. Michele Geraci, alla presenza di numerosi membri di Governo, esponenti della società civile, rappresentanti di Dicasteri, giornalisti, imprenditori, accademici nonché rappresentanti della Camere di Commercio italiana ed europea in Cina.

L’obiettivo della Task Force è sviluppare, sotto il coordinamento del MISE, un approccio sistemico nei confronti della Cina per affrontare tutti gli aspetti della collaborazione bilaterale, a partire dal commercio e dagli investimenti reciproci, per estendersi alla cooperazione scientifica, alle infrastrutture, alla cooperazione culturale, al turismo e ai trasporti, secondo uno schema che parte dal presupposto che anche la Cina agisce come un unico, solido, sistema nei suoi rapporti internazionali.

La Task Force Cina, lanciata nei mesi scorsi dal Vice Premier e Ministro Luigi Di Maio e gestita dal Sottosegretario Geraci, che lavora coordinandosi con i colleghi della Farnesina e degli altri Ministeri, è iniziata con le due missioni del Ministro Di Maio e del Sottosegretario Geraci nell’agosto e nel settembre 2018, che hanno consentito di preparare questa prima riunione.

Tra i risultati già ottenuti dalla Task Force rientrano la firma da parte del Vice Presidente Di Maio del Memorandum of Understanding tra Italia e Cina sulla cooperazione in Paesi terzi (che potrà schiudere interessanti prospettive di un approccio sinergico, per esempio, in Africa) e la firma dell’accordo tra il MISE e la Provincia del Sichuan per rafforzare la collaborazione sul piano della promozione del commercio e degli investimenti bilaterali. Altri negoziati in corso tra Italia e Cina sul piano bilaterale, come il Memorandum su Belt & Road Initiative, stanno beneficiando di questo rinnovato clima di collaborazione strategica. 

Nel corso della riunione, il Sottosegretario Geraci ha presentato la filosofia di fondo del funzionamento della Task Force, suddivisa in vari gruppi di lavoro, ciascuno dei quali avrà due coordinatori, presenti nei due Paesi con lo scopo di stabilire un doppio flusso di informazioni, da Cina a Italia e da Italia a Cina. 

Dal lato della Cina, i vari gruppi di lavoro forniranno aggiornamenti settimanali, sintetici ma concreti, sull’andamento del mercato cinese e su sviluppi normativi o prassi che possano avere un impatto sulle opportunità di business per le aziende italiane. Dal lato dell’Italia, i gruppi di lavoro raccoglieranno le istanze/criticità di aziende italiane che operano o volessero operare in Cina.  Il Sottosegretario Geraci si farà carico di organizzare i gruppi di lavoro, gestire e coordinare questo doppio flusso di informazioni, raccogliere tutte le istanze ricevute, ordinarle e sistematizzarle, e disseminarle nei luoghi e fora appropriati, come ad esempio presentarle alla controparte governativa cinese ed organizzare le riunioni successive della TFC che si prevede sia a frequenza regolare.

In tal modo verrà assicurata una complementarità tra l’azione di Governo e le istanze raccolte da operatori del settore, esponenti della società civile e comuni cittadini, con l’obiettivo di migliorare il business-climate per favorire l’incremento dell’interscambio e degli investimenti reciproci.

Ciascun team leader organizzerà dei gruppi di lavoro tematici, a composizione variabile e trasversale per ogni argomento affrontato, che continuerà ad alimentare il flusso informativo. In aggiunta alla segreteria del Sottosegretario Geraci, l’Ambasciata d’Italia in Cina fungerà da antenna dello Stato italiano in Cina e da principale terminale delle istanze politiche provenienti dall’Italia.

Le dichiarazioni del Sottosegretario GeraciSono molto soddisfatto dell’interesse dimostrato dai partecipanti, dei commenti ricevuti sulla struttura della Task Force Cina (su cui stiamo già lavorando per migliorarla) e delle adesioni dei tanti esperti di Cina e di tutti coloro si sentono pronti a mettere a disposizione di questa piattaforma la loro expertise nei differenti campi. Abbiamo bisogno delle professionalità e dell’entusiasmo di tutti per poter far crescere la Task Force, che – ricordo – avrà successo nella misura in cui tutti parteciperanno attivamente: un po’ come con Facebook, il cui valore è dato non tanto dall’azienda in sé ma dai contributi dei singoli utenti. Noi fungiamo da stimolo e da indirizzo, ma è l’input dei singoli nei differenti gruppi di lavoro ciò che determinerà il successo della Task Force e la sua efficacia nello sforzo del nostro Governo di cogliere le opportunità che la Cina di oggi presenta. Anche in Cina abbiamo avuto segnali di interesse per questa Task Force, come ricordato dall’Ambasciatore cinese sia durante la prima riunione dell’altro ieri sia durante la festa nazionale cinese di qualche giorno fa. Vorrei chiudere con una citazione di Confucio: ‘Quando spira il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento’. Mi auguro che ogni gruppo di lavoro si ponga come un mulino al servizio dell’Italia nei suoi rapporti con la Cina.

 


Questa pagina ti è stata utile?

NO